Aggregare per innovare: conoscenza reciproca, dialogo interculturale e interreligioso, lotta all’esclusione sociale sono gli ingredienti di una iniziativa del GAL del Ducato finanziata dall’Unione europea attraverso il Programma ERASMUS Plus – Azione KA2.

 

STRAPAC – STRAtegic PArtnership for representatives of religious Communities – è un partenariato strategico tra rappresentanti di comunità di diverso credo religioso e confessionale – laici e non – per rafforzare la cooperazione in Europa attraverso uno scambio di esperienze e buone pratiche.

L’obiettivo è quello di coinvolgere l’associazionismo d’ispirazione confessionale, comprese le parrocchie, delle aree rurali e delle periferie urbane per migliorare le proprie competenze multiculturali e meglio affrontare le persone con diverso background culturale, etnico o religioso aumentando la propria capacità di intessere un dialogo dal momento che sempre più spesso chi è nel bisogno si trova in contesti religiosi anche molto differenti rispetto a quelli delle proprie origini.

STRAPAC vuole aiutare gli operatori , i volontari, il “terzo settore” e tutto l’associazionismo di tipo confessionale a sviluppare una certa “imprenditività”, la capacità di comprendere i bisogni altrui e di comunicare con i più emarginati, per affrontare meglio e in modo più efficace il lavoro d’inclusione sociale dei gruppi vulnerabili che sempre più spesso sono chiamati a svolgere.

STRAPAC – STRAtegic PArtnership for representatives of religious Communities è una iniziativa che vede coinvolte organizzazioni complementari tra loro, con un profilo e un’esperienza necessaria ad affrontare con successo tutti gli aspetti del progetto. Il soggetto capofila è il Centro per il dialogo tra scienze e teologia dell’Università di Craiova (Romania) che opera in collaborazione con due agenzie di sviluppo locale, la bulgara Fondatsiya za regionalno razvitie (Fondazione per lo Sviluppo Regionale) e il nostro GAL del Ducato e due università riconosciute – Università Aristotele di Salonicco (Grecia) e MF – Scuola norvegese di teologia.

Queste le fasi principali: preparazione, gestione e monitoraggio del progetto, implementazione, comunicazione, diffusione dei risultati e conclusioni/chiusura. Per assicurare una migliore gestione quattro sono stati gli incontri transnazionali tra i partner, di cui uno ospitato dal GAL del Ducato a Parma. Nei cinque paesi coinvolti nel partenariato sono state realizzate interviste a figure chiave, focus group e indagini “sul campo” con l’obiettivo di analizzare l’attuale situazione e opera delle parrocchie e del terzo settore d’ispirazione confessionale, nonché la raccolta di buone pratiche nel settore educativo e sociale. Sulla base del materiale raccolto stato prodotto un documentario multilingue con scopi divulgativi e formativi dal titolo WE CARE e una Guida metodologica. Una conferenza conclusiva del progetto si è tenuta a Oslo in Norvegia l’11 Febbraio 2020, dal titolo “Diakonia 2020: il potere nelle relazioni, il potere delle relazioni” mentre da noi (a Bedonia, Parma e Piacenza), a Salonicco in Grecia, in Romania con base a Craiova e in Bulgaria con base a Sofia, si sono tenuti quattro momenti di incontro per gruppi di lavori più ristretti di rappresentanti provenienti da tutti i paesi coinvolti nell’iniziativa, che hanno consentito l’acquisizione di nuove competenze e conoscenze e di gettare le basi per un partenariato di più lunga durata.

Come si diceva, dall’8 al 14 ottobre 2018 il GAL del Ducato ha ospitato presso il Seminario di Bedonia rappresentanti di diverse organizzazioni a carattere confessionale da Romania, Grecia, Norvegia e Bulgaria per il primo dei quattro momenti d’incontro residenziali di una settimana di scambi e confronti. 

Il corso a carattere internazionale è uno dei momenti forti del progetto. Numerosi sono gli enti parmensi e piacentini che hanno aderito all’iniziativa, a partire dalla Diocesi di Piacenza e Bobbio che ha visto coinvolti, oltre a diversi sacerdoti, il Seminario Vescovile di Bedonia, la Caritas e l’Ufficio Beni Culturali, l’Associazione “La Ricerca” e il Centro “Don Zermani”, i Centri di Servizio per il Volontariato SVEP di Piacenza e Forum Solidarietà di Parma, Confcooperative Piacenza con Federsolidarietà, il Consorzio “Sol.Co” e la Cooperativa Sociale “L’Ippogrifo”, la Comunità Ortodossa Romena di San Daniele di Piacenza e il Caseificio “Porcari & Tambini” di Bedonia.

Per maggiori informazioni Corso internazionale STRAPAC in Italia.

Scarica il Programma in Italiano/Inglese: Programme STRAPAC Corso IT 8-14Oct2018_def

Dall’18 al 24 novembre 2018 è stata la volta della Fondatsiya za regionalno razvitie (Fondazione per lo Sviluppo Regionale) che ha ospitato rappresentanti di diverse organizzazioni a carattere confessionale da Romania, Grecia, Norvegia e Italia per il secondo dei quattro momenti d’incontro residenziali di una settimana di scambi e confronti. Il programma di incontri e visite si è sviluppato tra Sofia, Plovdiv, Blagoevgrad e Rila, mentre la parte più teorica del corso si è tenuta nella prestigiosa sede della Rappresentanza della Commissione europea a Sofia.

Per maggiori informazioni Corso internazionale STRAPAC in Bulgaria.

Il terzo dei quattro momenti d’incontro residenziali di una settimana di scambi e confronti si è tenuto a Salonicco (Grecia) dal 2 all’8 giugno 2019.  L’Università Aristotele di Salonicco è l’ente che ha ospitato e organizzato il meeting  insieme  al Social Research Centre for Religion & Culture Εργαστήριο Κοινωνικής Έρευνας Α.Π.Θ. 

Per maggiori informazioni Corso internazionale STRAPAC in Grecia.

L’ultimo dei quattro momenti d’incontro residenziali di una settimana di scambi e confronti si è tenuto a Craiova (Romania) dal 22 al 28 settembre 2019, organizzato dal Centro per il dialogo tra Scienza e Fede – Centrul pentru dialog între Știițe și Teologie – dell’Università di Craiova.

Per maggiori informazioni Corso internazionale STRAPAC in Romania.

Per conoscere più da vicino l’attività di STRAPAC potete seguire il progetto su:

www.strapac.eu

www.facebook.com/STRAPAC.EU

Per informazioni: programmazione@galdelducato.it